Differenza tra chiropratico, osteopata e fisioterapista

Osteopata, chiropratico, fisioterapista

Qualche acciacco articolare, qualche fastidio alla schiena o dolore alla spalla, difficoltà a muovere il ginocchio, ed ecco che, giustamente, vogliamo rivolgerci ad un professionista.

Ma da chi andare? Meglio il fisioterapista, l’osteopata o il chiropratico? Anche tu avrai sentito parlare di questi professionisti ma ancora non hai ben chiare le differenze.

Per scegliere al meglio a chi rivolgersi e cogliere tutti i benefici possibili dal trattamento, vediamo insieme la differenza tra osteopata, chiropratico e fisioterapista: che discipline seguono, di cosa si occupano, che terapie offrono, in cosa possono aiutarti per ritrovare il benessere.

Iniziamo dicendo che la confusione che spesso esiste in merito a queste professioni è comprensibile.

Non tanto perché i loro ruoli non siano ben chiari e definiti, quanto perché spesso questi esperti si occupano, con approcci differenti, degli stessi problemi.

In molti casi, si possono definire complementari tra loro e, operando in sinergia, possono portare a trattamenti integrati e completi.

Peraltro, nulla vieta ad un fisioterapista di essere anche osteopata o a un chiropratico di essere fisioterapista, e via dicendo. Con gli opportuni percorsi accademici, si può diventare osteopata e chiropratico oppure fisioterapista esperto in chiroterapia, o ancora essere un laureato in fisioterapia che si è specializzato anche con un corso professionale in osteopatia.

Osteopata: l’esperto in osteopatia

L’osteopatia è una professione sanitaria che basa il proprio operato su un approccio integrato e complementare alla medicina tradizionale: è considerata un sistema di assistenza alla salute basato sul contatto manuale e con una visione olistica.

L’approccio alle disfunzioni, alle patologie e ai dolori dell’osteopata viene definito causale e non sintomatico.

L’osteopata non si concentra dunque solamente sui sintomi e non rivolge la propria attenzione esclusivamente alla parte del corpo interessata dal fastidio/dolore, ma ha un approccio d’insieme alla salute.

Le cause di un problema fisico possono infatti avere origine in regioni del corpo differenti da quelle dove si manifesta il dolore.

Osteopatia e trattamenti osteopatici
Osteopata durante un trattamento osteopatico

Le diagnosi, le terapie e i trattamenti si basano in toto sul contatto manuale: l’osteopatia non prevede l’impiego di macchinari, medicinali e altri strumenti.

L’approccio dell’osteopata è quindi definibile globale: considera la relazione tra corpo, mente e spirito ponendo l’attenzione all’integrità strutturale e funzionale dell’intero organismo.

L’obiettivo dei trattamenti è aiutare l’organismo nella sua tendenza all’autoguarigione e autoregolazione, favorendo questi naturali processi.

L’osteopata si focalizza sul recupero della mobilità e dell’equilibrio del corpo nel suo complesso, cercando di eliminare le alterazioni funzionali del corpo che spesso comportano il manifestarsi di sintomi dolorosi.

Chiropratico: l’esperto in chiroterapia

La chiropratica, anche nota come chiroterapia, è una disciplina che rientra nell’ambito della medicina alternativa.

L’obiettivo della chiropratica è il mantenimento e il ristabilimento della salute umana, che viene perseguito concentrando l’attenzione e azione sul sistema nervoso.

Il concetto di fondo alla base dell’approccio del chiropratico è che il sistema nervoso, e la colonna vertebrale in particolare, siano il centro di controllo di tutti gli altri sistemi.

Chiropratica e massaggi chiropratici
Chiropratico durante un massaggio alla schiena

La chiroterapia, dunque, è una pratica che individua come principale causa dei problemi strutturali del corpo gli squilibri tra articolazioni e nervi, con particolare attenzione alla colonna spinale.

Il midollo spinale è infatti la principale via di comunicazione con cui il cervello impartisce ordini a tutto gli altri organi e, se soggetta a disfunzioni o malfunzionamenti, compromette il corretto svolgimento delle funzioni fisiologiche.

Queste disfunzioni sono considerate la principale causa di dolori e disordini del sistema neuro-muscolo-scheletrico.

Come nel caso dell’osteopatia, possiamo definire l’approccio della chiropratica come olistico, finalizzato a ripristinare e favorire l’innata capacità del corpo di autoregolarsi e guarire da sé.

In questo caso però, il contatto manuale e le terapie manipolatorie si focalizzano sulla colonna, le sue vertebre e alcune articolazioni.

Fisioterapista: l’esperto in fisioterapia e riabilitazione

La fisioterapia è una branca della medicina che si occupa di prevenzione, cura e riabilitazione nell’ambito di menomazioni e disfunzioni a carico muscolo-scheletrico, viscerale e neurologico.

Il fisioterapista è un operatore sanitario, in possesso di laurea triennale in fisioterapia. Oltre ad effettuare trattamenti manuali, manipolazioni e massaggi, si avvale di terapia fisica, massoterapia, chinesiterapia, terapia posturale, laserterapia, tecarterapia, ionoforesi, elettroterapia, magnetoterapia.

A differenza di osteopati e chiropratici, quindi, il fisioterapista spesso utilizza macchinari in grado di favorire i processi di guarigione, soprattutto in seguito ad eventi traumatici.

Fisioterapia e trattamenti riabilitativi
Fisioterapista durante un trattamento di riabilitazione del ginocchio

L’approccio della fisioterapia si differenzia dagli altri per il fatto che il professionista si concentra sulla zona affetta dal trauma o dal dolore, operando solitamente dove i sintomi si manifestano. Anche in questo caso però non è previsto l’uso di farmaci.

Il trattamento fisioterapico è spesso svolto in sinergia con altre branche mediche: molte volte, il fisioterapista opera collaborando con il neurologo, il medico fisiatra, l’ortopedico o il nefrologo, per individuare le metodologie e i percorsi riabilitativi più adatti al recupero delle funzionalità compromesse e al ristabilimento del benessere e della salute.

Differenza tra chiropratica, osteopatia e fisioterapia: a chi rivolgersi

Riepiloghiamo quindi le principali differenze tra osteopata, fisioterapista e chiropratico.

Innanzitutto, stiamo sicuramente parlando di tre esperti del benessere, il cui obiettivo è garantire la salute delle persone.

Abbiamo visto come la principale diversità risieda nel tipo di approccio al paziente e ai suoi problemi, oltre che nelle metodiche di diagnosi e terapia.

A seconda del professionista di riferimento questi elementi variano, pur non essendo necessariamente opposti tra loro: partendo da punti di vista differenti si può arrivare alla stessa diagnosi e, pur con trattamenti diversi, si possono raggiungere gli stessi risultati benefici per il corpo e la sua salute.

Osteopatia e chiropratica condividono l’approccio olistico, che pone l’accento sull’agevolare la naturale tendenza del corpo ad auto-regolarsi e auto-guarirsi. Entrambe utilizzano il contatto manuale come mezzo per perseguire il benessere: i trattamenti osteopatici e chiropratici sono esclusivamente manuali.

L’osteopata ha un approccio causale e non si focalizza esclusivamente sulla regione che presenta i sintomi.

Il chiropratico si concentra sul sistema nervoso e la colonna vertebrale, partendo dall’assunto che controllino e gestiscano tutto il funzionamento del corpo. Agendo su di essi si può dunque curare qualsiasi disfunzione che si manifesti a livello muscolo-scheletrico.

La fisioterapia, invece, concentra i propri sforzi sulle regioni che manifestano i sintomi. I trattamenti, oltre che manuali, possono prevedere l’impiego di macchinari che velocizzino e aiutino i processi di guarigione.

Di seguito una tabella riassuntiva delle differenze tra professionisti del benessere:

OSTEOPATA CHIROPRATICO FISIOTERAPISTA
Studi Diploma in osteopatia, conseguito dopo un corso specialistico di 5-6 anni Laurea in chiropratica, conseguita all’estero in un’università riconosciuta Laurea triennale in fisioterapia (facoltà di medicina e chirurgia)
Approccio Olistico e globale, causale e non sintomatico Olistico, con focus sul sistema nervoso Trattamento delle regioni affette da disfunzioni e dolore per il ripristino del benessere
Trattamenti Manuali, su tutto il corpo Manuali, incentrati sulla colonna vertebrale Manuali e tramite l’utilizzo di macchinari appositi

Meglio osteopata o chiropratico dunque? Molto spesso i risultati ottenuti, specialmente per alcuni disturbi o fastidi, sono gli stessi. Non è da escludere di rivolgersi anche a professionisti osteopati e chiropratici allo stesso tempo: ci sono esperti che hanno conseguito entrambe le qualifiche e possono garantire trattamenti integrati molto efficaci.

Ora che abbiamo esaminato le differenze tra osteopatia, fisioterapia e chiropratica, avrai più chiaro di cosa si occupano queste figure professionali: in caso di dubbi, per la tua salute, non esitare a rivolgerti al tuo medico che sarà in grado di indirizzarti al meglio, a seconda delle tue necessità.


Le Differenze

Appassionato di scrittura in ogni forma, adoro spiegare in maniera chiara e senza troppi fronzoli concetti e termini di uso comune, spesso fraintesi o non compresi. Seguimi alla scoperta delle differenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LeDifferenze.it partecipa al Programma di affiliazione Amazon UE, che consente  di percepire  commissioni pubblicitarie sponsorizzando il sito Amazon.it!

© 2020   Le Differenze 
Mappa del sito