Differenza tra semola e farina

Semola (grano duro) e Farina (grano tenero)

Farina e semola: sei confuso riguardo questi due termini? Vuoi chiarirti le idee sulle differenze tra semola e farina? Desideri sapere di più sul significato delle due parole?

Approfondiamo insieme in questo articolo dedicato alle farine, per comprendere caratteristiche e differenze, oltre che gli impieghi più comuni.

Con il termine generico “farina” ci si riferisce alla farina alimentare che è il prodotto della macinazione dei frutti secchi o dei semi di varie piante.

Esistono tantissimi tipi di farine, a seconda della materia prima macinata: farina di mais, di orzo, di castagne, di ceci, di mandorle, di riso, di avena, di segale, di farro, di grano saraceno, e ancora, sempre più diffuse, la farina di Kamut, di Canapa, di Quinoa.

Farina: caratteristiche e usi

Nel suo confronto con la semola però viene comunemente chiamata farina quella di grano tenero, ottenuta dalla macinazione di un grano che deriva dall’incrocio di una specie selvatica e di una specie coltivata.

Questa varietà è molto resistente alle basse temperature e il prodotto ottenuto con il processo produttivo, la farina di grano tenero appunto, si presenta molto fine.

Non è possibile, né alla vista né al tatto, accorgersi dei granelli che la compongono, a differenza della semola che è decisamente più granulosa. Il colore è solitamente bianco, più chiaro maggiore è il grado di raffinazione.

Farina di grano tenero
Ciotola di farina e spighe di grano tenero

Esistono 5 tipi di farine: 00, 0, 1, 2 e integrale, ognuna con le proprie caratteristiche e proprietà. Ne abbiamo parlato nell’articolo sulle differenze tra farine.

Le farine di grano tenero trovano largo impiego nella panificazione e sono ideali per la realizzazione di dolci. Danno vita ad impasti meno tenaci e sicuramente più facilmente lavorabili, a mano soprattutto.

Semola: caratteristiche e usi

Con il termine semola si indica invece la farina di grano duro, ottenuta dalla macinazione di un tipo di frumento prodotto grazie all’incrocio di due specie selvatiche.

Come le farine, anche la semola più essere classificata in diverse tipologie: semola grossa, media, lino e rimacinata, a seconda della dimensione dei granuli che la costituiscono, in una scala dal più grande al più piccolo. Si parla, più propriamente, di integrale, semola e rimacinata

La farina di semola di grano duro è più “spessa” e granulosa rispetto a quella di grano tenero. Viene utilizzata anch’essa nella panificazione e si presta a preparazioni salate più che dolci. Gli impasti ottenuti con la semola sono sicuramente più consistenti e faticosamente lavorabili a mano.

Semola di grano duro
Ciotola di semola di grano duro

Semola e farina: le differenze

Nel confronto tra i termini in senso stretto, dunque, parliamo di farina o semola a seconda dell’oggetto della macinazione, del tipo di grano utilizzato. Da questo deriva il risultato prodotto dal processo di raffinazione.

“La farina è di grano tenero, la semola è di grano duro!”

Ecco racchiusa in una frase la differenza tra farina e semola. Nulla di più semplice.

Tuttavia, ecco di seguito la consueta tabella riepilogativa che accompagna la fine di ogni nostro articolo.

FARINA SEMOLA
Tipo di grano Grano tenero Grano duro
Caratteristiche Molto fine, più carboidrati e meno grassi Più spessa e granulosa,
più grassa e leggermente più proteica
Tipi Farina 00, 0, 1, 2, integrale Integrale, semola, rimacinata
Usi in cucina Panificazione, più adatta ai dolci Panificazione, più indicata per preparazioni salate

Speriamo di aver chiarito al meglio le differenze tra semola e farina. Per qualsiasi ulteriore dubbio, lascia un commento.


Le Differenze

Appassionato di scrittura in ogni forma, adoro spiegare in maniera chiara e senza troppi fronzoli concetti e termini di uso comune, spesso fraintesi o non compresi. Seguimi alla scoperta delle differenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LeDifferenze.it partecipa al Programma di affiliazione Amazon UE, che consente  di percepire  commissioni pubblicitarie sponsorizzando il sito Amazon.it!

© 2020   Le Differenze 
Mappa del sito