Differenza tra tanga, perizoma, brasiliana e culotte

Biancheria intima femminile

L’intimo femminile non ha solo l’obiettivo di coprire e proteggere, garantendo comodità, funzionalità e igiene.

Molto spesso rappresenta anche un modo di esprimere la propria personalità, di sentirsi a proprio agio e, perché no, di stuzzicare un po’ la fantasia del proprio partner.

In questo articolo andiamo alla scoperta delle differenze tra tanga e perizoma, brasiliana e culotte, per aiutare chi desidera fare chiarezza, magari perché ha intenzione di regalare o regalarsi un capo d’abbigliamento intimo.

Tanga

Il tanga, tra gli indumenti intimi femminili, è probabilmente tra i più utilizzati.

Rappresenta una via di mezzo tra le semplici mutandine e i più accattivanti perizoma. Si tratta di una mutanda più sgambata sul lato anteriore e posteriore rispetto agli slip standard, oltre che più sottile.

Sui fianchi cinge la vita con un nastro o elastico, non più alto di un paio di centimetri. Davanti e dietro, i due lembi di tessuto assumono una forma triangolare di solito, con la parte posteriore leggermente più piccola rispetto a quella anteriore e più rialzata.

Amato dalle donne per la sua versatilità e comodità, il tanga è il giusto compromesso per la vita quotidiana. Adatto alla giornata di lavoro, ad un’uscita serale e per tutte le attività giornaliere, può essere realizzato con diversi tessuti, dal cotone alla pelle.

Il nome deriva da un ornamento tipico di un’antica cultura del Brasile settentrionale.

Tanga
Un tanga color nero

Clicca e scopri le offerte e i modelli di tanga disponibili su Amazon!

Perizoma

Tra i vari indumenti intimi è sicuramente quello meno coprente, quantomeno sul lato b.

Il perizoma è caratterizzato da una forma triangolare più o meno sgambata sul davanti e da una striscia sottile di tessuto al posteriore, che lascia ampiamente in evidenza le natiche in tutte le loro forme.

Ironicamente viene detto “filo interdentale”, perché la parte posteriore molto sottile ne ricorda le sembianze e alcune volte arriva proprio a nascondersi tra le rotondità dei glutei che appaiono completamente nudi.

Anche in questo caso, largo alla fantasia, con materiale diversi: cotone, pizzo, ma anche l’utilizzo di perle.

È un capo dai richiami sicuramente erotici, ma questo non significa che sia necessariamente il più sexy. Dipende molto da gusti personali: tanti preferiscono l’effetto “vedo non vedo” di altri capi intimi.

Il termine ha origine greca, dal verbo perizonnynai, che significa cingere attorno ed indicava la fascia che nell’antichità copriva i fianchi e i genitali.

Perizoma
Un perizoma: notare la tipica forma a T

Clicca e scopri le offerte e i modelli di perizoma disponibili su Amazon!

Brasiliana

La brasiliana è una tipologia di mutanda a metà strada tra perizoma e tanga.

Abbastanza sgambata, si caratterizza per il fatto che lascia le natiche parzialmente scoperte. Il tessuto posteriore infatti copre i glutei in diagonale per la parte superiore, lasciandone scoperta solo la parte inferiore.

È molto apprezzata per la sua comodità e viene preferita da chi non si sente a proprio agio con le natiche completamente scoperte, ma intende mettere in evidenza le proprie forme. Si vede molto in spiaggia, perché è una tipologia particolarmente apprezzata per i costumi.

Brasiliana
Un costume a brasiliana

Cerchi un costume a brasiliana? Clicca e scopri offerte e modelli su Amazon!

Culotte

Infine, parliamo di un capo che può ad una prima occhiata potrebbe risultare meno sexy rispetto all’intimo da donna visto finora, ma che permette di giocare sull’utilizzo del tessuto.

La culotte è infatti uno slip che copre totalmente glutei e fianchi, come un pantaloncino attillato. La quantità di tessuto permette di giocare con la sensualità grazie alla tipologia e alla fantasia dei tessuti, dal pizzo alla seta, che avvolgono totalmente le curve e ne esaltano le forme.

Culotte
Una culotte di pizzo nero

Clicca e scopri offerte e modelli di culotte su Amazon!

Tanga, perizoma, brasiliana e culotte: differenze

Analizzati nel dettaglio i diversi tipi di mutande da donna, riepiloghiamo le differenze secondo quella che potrebbe essere una scala di “copertura della natica”.

Partiamo dalle culottes, intimo originario della Francia, che ricoprono interamente i glutei in maniera attillata.

Passiamo poi alla brasiliana, che ricopre le natiche per metà diagonalmente con lembi di tessuto spesso in pizzo.

Troviamo poi il tanga, dai lembi di tessuto sui fianchi decisamente sottili e che lascia i glutei parzialmente scoperti.

Infine, troviamo il perizoma, che lascia meno alla fantasia, con un semplice filo posteriore che mette totalmente in mostra il sedere.

In conclusione, ecco una rapida tabella riassuntiva:

PERIZOMA TANGA BRASILIANA CULOTTE
Sgambatura Più o meno sgambato davanti Decisamente sgambato Abbastanza sgambata Per nulla sgambata
Copertura glutei Completamente scoperti Parzialmente scoperti Parte inferiore scoperta Totalmente coperti
Tabella delle differenze tra tipi di intimo da donna

Ora che hai chiarito un po’ le idee sulle diverse tipologie di lingerie femminile, puoi fare un acquisto più consapevole.

Scopri la sezione lingerie su Amazon: tantissimi modelli e offerte!


Le Differenze

Appassionato di scrittura in ogni forma, adoro spiegare in maniera chiara e senza troppi fronzoli concetti e termini di uso comune, spesso fraintesi o non compresi. Seguimi alla scoperta delle differenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LeDifferenze.it partecipa al Programma di affiliazione Amazon UE, che consente  di percepire  commissioni pubblicitarie sponsorizzando il sito Amazon.it!

© 2020   Le Differenze 
Mappa del sito